Gruppo cacciatrici trentine

Il gruppo “Cacciatrici trentine” nasce come settoriale dell’associazione “Cacciatori Trentini” completamente indipendente con un proprio statuto e proprio direttivo.
Un nutrito gruppo di ragazze, mamme e donne, tutte trentine con una grandissima passione per la caccia e la vita a contatto con la natura.
Una iniziativa ammirevole che non guarda solo alla caccia, ma alla formazione e all’informazione.
Tra l’altro sono molte le iniziative di carattere culturale ed ecologico nonché attività ed opere di beneficenza.

Nate nel 2009 hanno già fatto tanta strada…

Link al sito del Gruppo  Cacciatrici Trentine: http://gruppocacciatricitrentine.it/

Le associazioni non possono permettere più certe affermazioni.

 

Un preoccupante articolo di oggi, sull’onda dell’assurda notizia della cerva Belinda, creata e spinta appositamente per fare clamore, parla della figura del “selecontrollore”.
Non trovo in alcun modo tollerabile e giustificabile da parte di qualsiasi organo di stampa divulgare simili nefandezze per mano di esponenti del WWF.
La figura del cittadino cacciatore e nello specifico selecontrollore deve essere tutelata e rispettata.
Fino a quando l’attività venatoria sarà “legale” nel nostro paese, non dobbiamo nasconderci, ma pretendere il rispetto.
Le nostre associazioni non possono stare a guardare per l’ennesima volta.

Leggete l’articolo, se potete lasciate sulla pagina anche i vostri commenti, mi raccomando i toni e i modi:
http://www.forlitoday.it/cronaca/animali-selvatici-appennino-tosco-romagnolo-selezione.html

Fare perdere la dignità agli animali ….

Ieri ho letto una decina di articoli che parlavano di “BELINDA” una “CERBIATTA” che è stata uccisa da un cacciatore….
A leggere gli articoli una vera e propria tragedia degna di un film della Disney.
Mi ero rifiutato di riportare la notizia perché trovo assurde e spropositate queste notizie per non parlare della folle umanizzazione degli animali selvatici,  ma pochi minuti fa ho letto un trafiletto che riprende la vicenda di Belinda e la rende ancora più discriminante e squalificante per la categoria dei cacciatori.

Il cacciatore che ha abbattuto la cerva adulta, intervistato dal giornale si scusa dicendo di non averla riconosciuta…. ma per favore. Se lo sapevi cosa diavolo eri li a fare, se non lo sapevi, eri a caccia nel rispetto delle regole non ti devi scusare.
Ora il Corpo Forestale ha aperto un’indagine….
Sono avvenimenti che si commentano da soli.

Link all’articolo: http://www.forlitoday.it/cronaca/cacciatore-cervo-belinda-santa-sofia.html

Un articolo di risposta in cui viene espressamente scritto che il selecontrollore ha agito nel rispetto del piano e delle regole:
http://www.forlitoday.it/cronaca/morte-cervo-belinda-biserno-santa-sofia.html

Cinghiale contro auto, la provincia dovrà risarcire l’automobilista.

Il giudice di pace Maria Giuseppina Vita ha stabilito che sarà onere della provincia risarcire i danni causati ad una autovettura coinvolta in uno scontro con un cinghiale.
La questione degli incidenti causati da animali selvatici è molto complicata, in teoria dovrebbe essere la regione a rispondere con un apposito fondo, ma nel caso in cui siano presenti i cartelli di pericolo attraversamento animali selvatici, la responsabilità ricade sull’automobilista.
Si tratta di un tema molto complicato…  se l’animale è un bene indisponibile dello stato, come mai quando succede qualche problema tende a lavarsene le mani?
Che questa sentenza non sia l’inizio di un nuovo modo di trattare la cosa….

Link all’articolo: http://www.cronachemaceratesi.it/2013/02/18/cinghiale-danneggia-lauto-paghera-la-provincia/293133/#comments

Sicilia: i cinghiali mannari

Nebrodi, per la precisione TUSA, un caso da polizia segreta.
Solo ieri si è diffusa la notizia di un cinghiale “mannaro” che ha aggredito senza motivo un contadino.
Il misfatto è accaduto giovedì quando il giovane tutto a un tratto è stato sbattuto a terra e preso a morsi e colpi di zanne da un grosso cinghiale, salvato dall’intervento provvidenziale di alcuni pastori e dei loro cani.

Quanto ci sarà di vero, quanto è stato romanzato l’episodio che non sia la solita situazione da cavalcare per gridare ai quattro venti il cinghiale è cattivo … distruggiamolo, con il benestare di politici ed ambientalisti?

Link all’articolo: http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/messina/dettaglio/articolo/gdsid/241971/

Sicurezza a caccia… mai dare nulla per scontato.

La sicurezza nella caccia è fondamentale. Bisogna sempre ricordarsi che una palla non sempre termina la sua corsa nel punto di impatto, ma può rimbalzare e frammentarsi con traiettorie e velocità poco prevedibili.

Questi video di “BLASER” sono molto utili per rendersi conto di quanto non sia da sottovalutare il discorso sicurezza… per un cinghiale in meno non si muore…  ci sarà occasione la prossima volta!

In questo video si vede l’effetto di una palla che va ad impattare contro ad un sasso, nella seconda parte, proiettili traccianti che impattano sul terreno:

In questo video è possibile vedere quanto siano altrettanto imprevedibili le palle che fuoriescono da un animale colpito. Difficilmente una palla si arresta completamente nell’animale, ma si frantuma e piccole o grandi schegge continuano il loro tragitto con traiettorie imprevedibili.
Attenzione a sparare ad animali con cani o persone vicine…

Utilizzate sempre abbigliamento ad alta visibilità e per i cani collari fluorescenti!

Comunicazione CNCN elezioni 2013

Non si tratta di informazione politica e di propaganda, ma di un comunicato del Comitato Nazionale Caccia e Natura, riceviamo e pubblichiamo:

 

Cari Amici,

 

il voto è il momento in cui noi cittadini, elettori e cacciatori, possiamo farci sentire in maniera determinante.

Inutile lamentarci per cinque anni se poi al momento del voto facciamo prevalere la protesta, casomai votando Grillo (uno dei peggiori anticaccia!) o la fedeltà politica, casomai votando per il PDL in Emilia Romagna (ovvero votando la Brambilla!).

 

Con questa email vogliamo far conoscere a tutti i veri nemici della caccia:

 

  1. 1.    MOVIMENTO 5 STELLE: in generale tutto il Partito di Grillo è contrario alla caccia e ne chiede l’abolizione.

Se non ci credi guarda il suo blog a questi link, dove tra l’altro Grillo da spazio all’associazione Vittime della Caccia:

www.beppegrillo.it/2011/06/la_caccia_contro_la_proprieta_privata.html

www.beppegrillo.it/2010/11/ai_morti_sul_la.html

www.beppegrillo.it/2010/08/odio_la_caccia.html

 

oppure il video che lo stesso Grillo ha realizzato per sostenere il referendum anticaccia in Piemonte:

http://m.youtube.com/#/watch?v=S6gwVuNA2hI&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3DS6gwVuNA2hI&gl=IT

 

  1. 2.    In EMILIA ROMAGNA, il PDL (Popolo della Libertà) presenta come capolista alla Camera MICHELA VITTORIA BRAMBILLA

Come sapete si tratta dell’ex Ministro del Turismo che ha fatto della battaglia alla caccia la sua bandiera. In Emilia Romagna ogni voto dato al PDL è un voto contro la caccia!

In questo caso è importantissimo far capire che attaccare la caccia non paga in termini elettorali e dunque è indispensabile non votare PDL alla Camera in EMILIA ROMAGNA.

 

  1. 3.    Nelle MARCHE al Senato, il PD (Partito Democratico) presenta Silvana Amati, che a sua volta, ha firmato a nome del PD il manifesto animalista della Brambilla.

Anche in questo caso, un voto dato al PD al Senato nella Circoscrizione Marche è un voto dato a chi vuole abolire la caccia.

 

  1. 4.    Nichi Vendola ha sottoscritto il manifesto contro la caccia e dunque SEL si contrappone in toto al nostro settore!
  2. 5.    In PIEMONTE 1 alla Camera NON VOTARE Fratelli d’Italia perché Gianni Mancuso ha sottoscritto il manifesto animalista contro la caccia.
  3. 6.    In LAZIO al Senato NON VOTARE PD perché Monica Cirinnà ha sottoscritto il manifesto animalista contro la caccia.
  4. 7.    In PIEMONTE al Senato NON VOTARE PDL perché Manuela Repetti ha sottoscritto il manifesto animalista contro la caccia.
  5. 8.    In SICILIA 1 alla Camera NON VOTARE PDL perché Gabriella Giammanco, animalista della stessa stoffa della Brambilla, ha sottoscritto il manifesto animalista contro la caccia.

Ricordati: le elezioni sono il miglior momento per farsi sentire. Dunque il 24 e 25 febbraio FACCIAMOCI SENTIRE e mandiamo a casa grillisti, animalisti e opportunisti fintambientalisti.

 

La Segreteria CNCN

 

CNCN 

C/O CONFINDUSTRIA

V.le dell’Astronomia, 30

00144 Rome – ITALY

Ph. +39 06 5903510

Fax: +39 06 54282691

Cinghiali a spasso per le vie di Genova

Un video in cui si vedono due cinghiali a spasso per le vie di Genova.
Animali tranquilli che se lasciati in pace tornano da dove sono venuti.

Scene come questa sono all’ordine del giorno in Germania, ma al contrario del nostro bel paese lasciano stare gli animali, controllano il traffico per evitare incidenti ed attendono che gli animali tornino da dove sono venuti.
In Italia invece si finisce col creare panico e tragedie e in alcuni casi (nemmeno troppo remoti) i vigili urbani si prendono la libertà di abbattere gli animali a colpi di pistola.

Vedete il video al seguenti link: http://video.repubblica.it/edizione/genova/cinghiali-educati-a-passeggio-sul-marciapiede/119622?video

Ferrara: caccia e società

 

 

Quando la nostra passione si distingue al di fuori dei boschi, basta poco per fare parlare bene di noi “brutti e loschi cacciatori” .
L’ATC di Ferrara è riuscito a donare (non per la prima volta) ben 4 pc portatili all’aula didattica della scuola di Poggio Renatico, grazie a fondi raccolti durante prove  di abitlià senza sparo.
Per leggere l’articolo completo: http://www.estense.com/?p=278403